Home

EVENTO GREEN alla Scuola MONTE GRAPPA del 16/05/2017

INCURSIONE  GREEN- LA GRANDE MACCHINA DEL MONDO -AcegasApsAmga

Cogliendo la proposta del GRUPPO HERA abbiamo vissuto questa giornata di avvicinamento alle tematiche di ACQUA, ENERGIA,AMBIENTE attraverso l’allestimento negli spazi interni della Scuola Monte Grappa, di particolari postazioni dedicate a esperimenti scientifici, giochi  educativi, narrazioni.

All’uscita dalla scuola, dalla Prima alle Quinte abbiamo dato  vita a un “flash mob” pensato per coinvolgere i genitori e sensibilizzarli alle tematiche affrontate.

Gli SLOGAN sull’ambiente che abbiamo inventato hanno animato il nostro giardino e ci hanno coinvolti con emozione e con allegra curiosità.

Questa INCURSIONE  veramente GREEN  si è conclusa con  un corale  colorato applauso  di tutti!

Un Grazie particolare  al Gruppo Hera, e a tutti i partecipanti.

Scuola Monte Grappa Green

 

Incontro per genitori e insegnanti

Si pubblica  in allegato la locandina dell'incontro gratuito, per genitori ed insegnanti dal titolo:" La sfida dell'educazione: usare il cuore" che si terrà il giorno 25 maggio dalle ore 18.00 alle ore 20.00 presso l'Auditorium dell'Istituto "F. Severi" di Padova

 

Questionario di gradimento mensa

Si comunica che Dussmann Service S.r.l. realizzerà un progetto aziendale di gradimento della mensa scolastica, attraverso la somministrazione di un questionario, che sarà distribuito agli alunni delle classi che utilizzano il servizio mensa nei vari plessi del XIV  Istituto Comprensivo di Padova, in data 23 maggio 2017.

 

VIAGGIO NEL TEMPO…classi quarte e quinte del Plesso “Mazzini”

 

Venerdì 21 Aprile, noi ragazzi delle classi quarte e quinte della scuola Mazzini abbiamo vissuto una bellissima esperienza accompagnati da una splendida giornata. Infatti, con le nostre maestre, ci siamo recati in gita al MUSE di Trento. Arrivati a destinazione l’impatto è stato strabiliante, in quanto la struttura, pur essendo modernissima, si stagliava in modo scenografico tra le montagne. Il nostro percorso era organizzato come un “viaggio nel tempo” interpretato ed illustrato da guide competenti che hanno saputo conquistare il nostro interesse e la nostra viva partecipazione anche nei laboratori attivi, dove abbiamo potuto mettere in pratica le nozioni imparate a scuola. Dalla nascita della vita sulla terra, ai diversi ecosistemi, alla collocazione delle varie civiltà umane sui territori, abbiamo attuato un cammino pieno di emozioni, conferme e scoperte. Alla fine abbiamo fatto un gioioso pic-nic tutti insieme sul grande prato retrostante al museo e poi tutti di ritorno, stanchi ma soddisfatti!

 

Continuità…un incontro quasi spaziale!

Si sono conclusi il 26 Aprile i due incontri previsti dal progetto continuità alla scuola “Mazzini”. I due incontri si sono svolti con la partecipazione dei bimbi delle scuole materne. Sono stati gli alunni delle classi quarte ad accogliere i piccoli preparando una drammatizzazione della storiella scelta “Il Signor Extra e la scuoletta Cometa”; in seguito tutti gli alunni in modo simpatico, coinvolgente ed entusiasmante hanno realizzato tre cartelloni con un vero e proprio VILLAGGIO SPAZIALE!

 

Venezia insolita

Anche noi della terza F della scuola secondaria Galilei siamo stati a Venezia quest’anno! Abbiamo visitato il Museo Ebraico e la suggestiva Sinagoga Levantina, a coronamento di un interessante percorso didattico svolto con l’insegnante di Religione Cattolica, ma il “pezzo forte” del nostro viaggio d’istruzione – siamo sinceri – è stato la sosta allo Squero di San Trovaso!

Cos’è uno “squero”? Parecchi di noi non lo sapevano. E’ il tipico cantiere veneziano in cui si creano, si costruiscono, si riparano barche di dimensioni contenute come pupparini, sandoli, scioponi, ma… soprattutto gondole!

Il termine pare derivi da “squadra”, in dialetto “squara”, che può indicare sia una squadra di persone che cooperano che un particolare strumento di lavoro.

E’ stato strepitoso parlare con lo “squerarolo”, uno dei pochissimi (forse due) ormai esistenti a Venezia: lavora a mano come un tempo, senza supporto di progetti scritti e personalizzando ogni imbarcazione su misura dell’acquirente. Il suo è un mestiere antico e a San Trovaso (in piedi addirittura dal Seicento)  si lavora ancora con i metodi di un secolo fa, quindi niente compensati come materiali, ma ben otto tipi di legno diverso. Non ci sono argani e le gondole vengono tirate su, rigirate e varate completamente a braccia.

Ogni barca è un’opera a sé ed ogni maestro d’ascia possiede i suoi segreti. “Questo è un lavoro che oggi non vuol fare più nessuno” Ci fa notare rammaricato lo squerarolo.  Ed è un vero peccato, ci vien da pensare.

Sul caratteristico piazzale inclinato verso il canale notiamo diverse gondole in manutenzione, più o meno intarsiate, tutte nere, eleganti nella loro forma affusolata ed unica. La “tesa” a fianco è un po’ malconcia, ma racconta anche lei una sua storia: è un edificio che ricorda le case di montagna del Cadore, perché è da lì che giungevano un tempo il legname e gli abili artigiani necessari alla costruzione delle barche.

Sulla sua facciata una marea di cappelli dai colori pastello un po’ svaniti, anch’essi simbolo di un mondo che pian piano pare scomparire.

Grazie, Venezia, dell’ennesima emozione che hai saputo farci provare!

 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
MENSA SCOLASTICA
Mensa scolastica
Banner